Saprofiti

Saprofiti

o del teatro vilipeso

Autore: Mattia S. Brandani

Sono passati dieci anni da quando un gruppo di teatranti, grafici e musicisti fondò questo blog, a quel tempo ero impegnato in altre attività e potei iniziare la mia collaborazione solo alcuni anni dopo in occasione della messa in scena del testo di “Libretto di lavoro” nel febbraio del 2013 facendone la recensione, anche per ricordare quel mio primo contributo metto il link a piè di pagina.

La mia collaborazione è stata sempre in qualità storico del teatro e critico ora ho pensato, e già ho iniziato nel mio primo contributo legato al decennale del blog, a raccontare storie legate al rappresentare e riflessioni sul mondo del teatro e sui personaggi, autori, attrici,  attori e “tipi” che lo popolano.

Inutile ripeterci che viviamo un periodo strano per il teatro per la rappresentazione in generale e che la ripartenza sarà strana e faticosa.
E’ proprio nei tempi di calma, silenzio o, come in questo caso, di ferma forzata che siamo portati alla riflessione e credetemi che sul teatro ch’è tanto su cui riflettere.

Mi sono tornati alla mente un’ infinità di ricordi e le tante persone che negli anni ho conosciuto e a volte frequentato fino a catalogarle in tipologie riconducibili al variegato mondo del teatro.
Vi è una tipologia che ho definito nel titolo saprofiti, ve ne sono ben inteso in ogni luogo della società, ma nel nostro mondo sono particolarmente devastanti.

Sono per lo più coloro che usano gli altri per coprire la loro incapacità , in taluni casi ottimi organizzatori, ma del tutto inabili a dar vita alle loro elaborazioni senza usare se non addirittura sfruttare gli altri, si concentrano più spesso su aspiranti attori che plagiano con estrema facilità poiché sono capaci di circuire come nessuno, le donne sono il loro “preda” preferita, non in modo violento o finalizzato a rapporti intimi, ma il loro circuirle ha in parecchi casi in se il germe della violenza e comunque un desiderio latente di superiorità maschile.

Non dobbiamo dimenticare che vi è purtroppo in tanti che si approcciano al teatro  attraverso le innumerevoli scuole l’insana propensione ad accettare il “maestro” o insegnante come un dominus assoluto, spesso questo è frutto dalla propria insicurezza ed è gioco facile per il saprofita, che se da un lato darà una formazione ne riceverà in cambio in primo luogo la dedizione e in secondo l’accettazione del darsi a capofitto, spesso senza alcun compenso, per realizzare i progetti e le messe in scena proposte, ricoprendo tutti i ruoli in commedia, come si suol dire.

continua…

Libretto di lavoro (recensione)


Lascia un commento


*